PERCORSO NASCOSTO DI CIGLIEGI, MORE E FRAGOLINE DEL BOSCO A MACERATA

Vi presentiamo un percorso ad anello lungo poco più di un chilometro, alla scoperta di un’altra bretella/ponte incompiuto ed abbandonato di Macerata dove si intreccia uno paesaggio bucolico di dolce collina marchigiana piena di frutti della terra e i tratti di scenario di sottoponti dei film americani con scene post apocalittiche come le arnie su un ponte che si interrompe nel nulla.

Si tratta di un percorso non segnato, nel verde, per gran parte senza macchine e senza passanti.

La passeggiata è comoda e non impegnativa, si può percorre anche con il passeggino ed offre una bellissima vista sulla campagna maceratese. La raccomandiamo anche a chi ha un cane.

Come punto di riferimento dell’inizio del percorso si può prendere la palestra Virtus (PalaVirtus) in contrada Fontezucca. Subito sotto la struttura, c’è un comodo parcheggio dove si può lasciare la macchina.

Una volta parcheggiata la macchina si imbocca la discesa e la strada di campagna vi porterà di attraversare da sotto il raccordo cittadino.

Si segue la strada asfaltata fino alla fine, fino ad una rampa che bisogna attraversare e dopo la quale la natura si è pian piano ripresa i lavori iniziati da uomo.

Comincia un percorso nel verde caratterizzato da numerosi alberi di ciliegio.

Segue una vegetazione con dei tappetti di muschio, violette, e rovi di more. Si trovano gli asparagi e i fiori di campo.

Dopo 500 metri circa si arriva a un punto a “V” dove andando di sotto si può visitare la zona sotto il ponte, mentre andando di sopra si attraversa il ponte incompiuto ed abbandonato.

Imboccando la stradina sotto ci troveremo in un campo in dislivello con piccole aree piene di fragoline di bosco, finocchietto selvatico, tarassaco, rapa, carota selvatica, cicoria, il rosmarino. Si possono ammirare anche le orchidee selvatiche.

Da lì si possono imboccare diversi percorsi. Andando a curiosare sotto il ponte ci troviamo catapultati in un paesaggio da film americano con diversi grafiti da apprezzare.

Tornando indietro allo sbocco a “V” e scegliendo la stradina di sopra si attraversa il ponte sul quale qualcuno ha ben pensato di mettere le arnie delle api.

Proseguendo si arriva alla rampa che sbarra l’accesso alle macchine e da lì si esce in fondo al parcheggio Garibaldi vicino a dove si trova una delle vecchie fonti cittadine in rovina e per la quale auguriamo che inizieranno i lavori di restauro a breve.  

Il percorso termina ripercorrendo il parcheggio Garibaldi fino ad arrivare al parcheggio sotto il PalaVirtus per riprendere la macchina.

Passeggiata ad anello, Viale G. Leopardi e Via Fonte Maggiore (MC)

Vi presentiamo qui, un percorso ad anello di circa 1 km, che può rappresentare una piacevole alternativa alla classica passeggiata intorno alle mura cittadine. Il percorso, si svolge per un breve tratto su un percorso pedonale ammattonato, non adatto per il passeggino, e per un tratto più lungo sulla strada non molto trafficata di via Fonte Maggiore.

Il percorso ha inizio all’altezza di “Fonte Maggiore”, fontana lavatoio del XIV secolo. Essendo un angolo molto bello della città, nonostante venga trascurato dal comune, di ristoro e sicuramente, per la presenza di acqua, di attrazione per i bambini, noi abbiamo deciso che rappresentasse l’ultima tappa della nostra passeggiata. Essendo un percorso ad anello, si è liberi di percorrere la passeggiata in direzione opposta.

Si raggiungono le mura cittadine all’altezza di Porta San Giuliano, e si percorre per circa 100 metri Viale G. Leopardi fino a quando non si nota la presenza di una costruzione moderna adibita a parcheggio, lasciato parzialmente in disuso, da qui si scende sulla destra e si intraprende una piacevole passeggiata in un percorso pedonale ammattonato.

Il percorso conduce nuovamente in via Fonte Maggiore, all’altezza di un’altra fonte antica, risalente alla fine del Quattrocento, Fonte Ciambrione, detta anche “Fontana delle trippe”, perché i contadini vi usavano lavare le interiora e le pelli degli animali. La fontana presenta due mascheroni di leone, scolpiti da Girolamo Angelo di Pascucci, artista che ha creato anche i mascheroni ai lati della torre civica di Macerata.

Da qui si risale verso Fonte Maggiore e si completa il giro ad anello.

PASSEGGIATA IN CAMPAGNA SOTTO IL PARCHEGGIO “SFERISTERIO” A MACERATA

Una mamma dell’Associazione ci ha segnalato un altro percorso nel verde che si può fare all’interno del comune di Macerata e le nostre volontarie sono andate alla scoperta.

Si tratta di un percorso non segnato. Sarebbe vicino al parcheggio coperto che si chiama “parcheggio Sferisterio” (vicino al corso Cairoli). È la zona di campagna dove dovevano fare una bretella tanti anni fa e poi a lavori iniziati il progetto è stato abbandonato.

Fate la strada come se volete andare al parcheggio e prima di arrivarci sulla vostra destra vedrete lo svincolo abbandonato e sbarrato per le macchine. Lì sulla strada potete anche parcheggiare (ci sono le strisce per i parcheggi).

Quello è il punto di partenza per una bella passeggiata, un percorso nel verde completamente senza macchine e senza passanti.

Noi ci siamo avviati ad esplorarlo un dopopranzo e ci siamo rimasti fino alla sera. Ci eravamo muniti di vestiti comodi e ci eravamo portati l’acqua e merenda, una palla e un libricino bello da leggere.

Il percorso è comodo e non impegnativo, si può percorre anche con il passeggino, è pianeggiante ed offre una bellissima vista sul centro storico di Macerata e sulla campagna circostante.

Non abbiamo trovato gli asparagi però abbiamo trovato tanta verdura verde selvatica come cicoria e tarassaco che abbiamo raccolto, portato a casa e preparato una bella lasagna verde per il pranzo del giorno dopo.

Oltre ai fiori di campo ci sono anche i rovi di more e durante l’estate si potranno sicuramente fare delle belle scorpacciate.

È una passeggiata che raccomandiamo anche a chi ha un cane.

Passeggiata nell’area bucolica cittadina, via Resse (Mc)

Ecco un altra proposta di passeggiata all’interno del comune di Macerata fatta dai nostri volontari per voi:

In questa soleggiata Domenica delle Palme, non essendo possibile allontanarsi dal proprio centro di residenza, siamo andati alla ricerca di un nuova area verde in città, dove poter ristorare le nostre anime. La nostra determinazione è stata ripagata, anche più delle nostre aspettative. Abbiamo, infatti, scoperto una fantastica passeggiata immersa nel verde delle campagne maceratesi, a soli pochi minuti da casa!

Il percorso è molto paesaggistico, in una giornata limpida senza foschia si riesce ad osservare anche la catena dei Monti Sibillini.

Panorama

La passeggiata si svolge per lo più in pieno campo, quindi è bene avventurarsi nei giorni di sole, quando io terreno è ben asciutto, con abbigliamento sportivo. Il percorso è in pendenza, circa del 15-20%, non è adatto per il passeggino però vanno benissimo i supporti per il portare (fasce, marsupi). La lunghezza del percorso è adattabile a piacimento e l’area si offre anche all’organizzazione di un bel picnic.

Il percorso è raggiungibile da via Resse, nel caso arriviate con la macchina è consigliabile parcheggiarla in via Mazenta. A piedi, si inizia a percorrere il tratto di via Resse a fondo cieco, che come mostrato nella foto di seguito, è la via che scende verso sinistra.

Inizio della passeggiata, vicolo a fondo cieco di Via Resse

Si scende per una ventina di metri, subito dopo un piccolo parcheggio per le macchine sulla destra, inizia il percorso inerbito.

Dopo pochi metri, sempre sulla destra, è possibile scendere in pieno campo e percorrere il sentiero che affianca le siepi campestri. Qui, potrete osservare diverse specie vegetali caratteristiche della nostra zona come la rosa canina e il prugnolo in pieno germogliamento, se non addirittura in piena fioritura.

Si possono inoltre osservare numerosissime specie di insetti, tra cui api mellifere in opera, farfalle e cavallette.

Noi abbiamo percorso sentiero fino alla capezzagna del terreno, a valle, e abbiamo attraversato il canneto, dove è presente una grande apertura. Con nostra grande sorpresa abbiamo osservato numerosissime orme di animali, tra le quali possibilmente quelle di un cinghiale o di un cervo. È stato meraviglioso!

PASSEGGIATA LUNGO CONTRADA POTENZA (MC)

Lo scorso autunno durante le restrizioni dovute all’emergenza Covid-19 , non potendo uscire dal comune di Macerata, abbiamo deciso di fare una passeggiata lungo Contrada Potenza.

Abbiamo parcheggiato la macchina in un comodo spiazzo che si trova poco dopo aver imboccato la strada e da lì abbiamo iniziato la passeggiata.

Il primo tratto (fino alla centrale dell’ENEL) pur essendo piacevole è distante dal fiume e relativamente paesaggistico .

Il secondo tratto (superata la centrale) presenta delle insenature che costeggiano il fiume e la strada è circondata da campi.

La zona è poco trafficata ed il percorso è perlopiù pianeggiante percorribile anche con il passeggino.

Si consigliano scarpe comode e nel caso ci si voglia addentrare nelle insenature che costeggiano il fiume, un paio di stivaletti per la pioggia possono essere utili per evitare di infangarsi.

Ci sono moltissime erbe spontanee, pertanto, con i bambini bisogna fare attenzione soprattutto all’ortica, pianta fastidiosa ma utile per imparare che in natura bisogna saper osservare per comprendere come comportarsi.

Anello di Portonovo (AN) del parco regionale del Conero

La scorsa scorsa estate, per la nostra prima uscita al mare, abbiamo deciso di percorrere l’Anello di Portonovo (sentiero 309) nel comune di Ancona che ci avrebbe permesso di godere di un angolo di mare magnifico e di avventurarci nella bellezza della macchia mediterranea. E così è stato: magnifico! 

Questo percorso ad anello è di breve e facile percorrenza per tutti, grandi e piccoli, si può percorrere in 2 circa con calma, noi abbiamo fatto una lunga sosta in spiaggia (sassi bianchi) affrontando letteralmente di petto le onde e ci abbiamo impiegato un pó , quasi 4 ore. Per i più piccoli, alcune parti sono percorribili con passaggino come ad esempio la parte interna ed i laghi, mentre per il sentiero boschivo e la spiaggia di sassi non sono assolutamente adatti, forse più pratico portare un marsupio. Il percorso è quasi sempre accompagnato dalla segnaletica.

Purtroppo da maggio a settembre i parcheggi sono tutti a pagamento (1€ circa l’ora). Dopo aver lasciato la macchina al parcheggio “Lago Grande” siamo andati alla scoperta del lago Grande, fatto di acqua salmastra, dove è magnifico fermarsi ad osservare la vegetazione, le diverse specie di uccelli ed insetti presenti (moltissime libellule) e anche tantissimi girini. É presente anche una stazione di osservazione degli uccelli, sulla quale ci si puó divertire ad arrampicarsi con una corda. 

Mantenendo la staccionata, che ci separa dallo specchio d’acqua, si prosegue verso il Fortino Napoleonico, che purtroppo è chiuso per ristrutturazione, e verso un sentiero boschivoche prosegue verso la Torre di Portonovo, la spiaggia dove abbiamo fatto una lunga sosta. Qui oltre che ammirare il mare e eventualmente fare il bagno, si puó proporre una divertente caccia ai tesori della natura, come trovare le conchiglie, i sassi grandi o quelli forati o addirittura inventare delle sculture con i sassi. 

Il sentiero continua poi sulla spiaggia fino alla chiesa di S. Maria (che si puó visitare solo consultando il sito web (dell’Associazione Italia Nostra-Ancona) poi verso l’interno costeggiando un altro lago: il lago Profondo. Costeggiando poi il Lago Profondo, si fa ritorno al punto di partenza, passando per la piazzetta di Portonovo, dove è possibile mangiare un gelato squisito.

EREMO DI SOFFIANO, SARNANO (MC)

Da tanto avevamo in cantiere il progetto di proporre i luoghi interessanti da visitare adatti alle famiglie, con delle info utili. E siccome le Marche da oggi, 1.3.2021, sono di nuovo arancioni e la bella stagione si sta avvicinando, abbiamo deciso di cominciare.

Ed ecco la nostra prima proposta, visitata per voi ieri: EREMO DI SOFFIANO dentro il territorio del comune di Sarnano (MC). È un luogo che si menziona in uno dei Fioretti di S. Francesco dove si presume egli sia stato intorno al 1200.

Trattasi di un itinerario naturalistico, storico e spirituale. Qualche pellegrino suggerisce che ricorda alcuni tratti di via francese del Cammino di Santiago de Compostela. Bisogna essere attenti ad osservare e ad ascoltare in quanto si possono vedere le specie protette di flora e fauna, un piccolo presepe inaspettato, bellissimi suoni di silenzio aumentati dal sottofondo dell’acqua che scorre.

Il percorso è facile, in mezz’oretta di passo lento si arriva da dove si lascia la macchina (vicino alla strada statale con l’indicazione di Eremo di Soffiano, appena superato il santuario di San Liberato). Si può percorrere un tratto di strada di breccia e poi si imbocca il cammino pedonale oppure si può arrivare con la macchina seguendo la strada brecciata fino alla sua fine.

È ben segnalato e il percorso si intreccia con quello dell’anello di San Liberato.

Bisogna vestirsi con le scarpe comode in quanto nell’ultima parte prima dell’eremo ci sono delle sorgenti d’acqua che bagnano il tragitto. Non è adatto per il passeggino però vanno benissimo i supporti per il portare (fasce, marsupi). L’itinerario è ancora sconosciuto ai più ed è per questo che è ancora poco trafficato anche nei giorni in cui trovate vicino al santuario di San Liberato il pieno delle macchine degli escursionisti che scelgono altri percorsi più noti.

PROGRAMMA DI CARNEVALE 2021

MACERATA –  Carnevale nei tempi del Covid a Macerata

L’associazione onlus “GENITORI&FIGLI, per mano” che si occupa della primissima infanzia, grazie al lavoro di tanti genitori ed esperti volontari ha creato un divertente e gratuito PROGRAMMA DI CARNEVALE 2021:

  1. CARNEVALE CON IL KAMISHIBAI , evento online, https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3000112453553229&id=1507466506151172

Il carnevale raccontato con filastrocche note di autori diversi ed illustrazioni secondo l’arte giapponese del”Kamishibai” un teatro di immagini usato dai cantastorie. Le mamme volontarie dell’Associazione hanno creato il teatrino e la storia di Carnevale mettendolo in un breve video.

  • CACCIA AL TESORO DI CARNEVALE, domenica 7.2.2021, ore 10.30, parco cittadino Sasso d’Italia a Macerata. https://fb.me/e/1Xj9c3ygE

Rispettando tutte le misure di sicurezza e rispettando le norme anti-Covid  bambini mascherati avranno l’opportunità, attraverso ludodidattica e la valorizzazione del parco cittadino maceratese, di divertirsi all’aperto imparando le cose curiose sul Carnevale.

  • TOMBOLA DI CARNEVALE, evento online, venerdì 12.2.2021, ore 21.00 https://fb.me/e/5l8xnl1iZ un momento ludico di socializzazione con tanti piccoli premi. Con i fondi raccolti si compreranno i nuovi libri, albi illustrati in inglese per i bambini 0-3 anni, per la piccola biblioteca della playgroup dell’Associazione, un unicum a livello nazionale.

Per maggiori info e per tutti gli aggiornamenti bisogna seguire i social dell’Associazione  

(whatsapp – 3703139727, Facebook, Instagram,Twitter, You Tube). 

CARTELLONE ATTIVITA’ AUTUNNO/INVERNO 2020

Anche nei tempi difficili come questi l’associazione onlus “GENITORI&FIGLI, per mano” riesce ad essere vicina alle famiglie e ai bambini.

Ecco gli 9 ormai tradizionali e gratuiti appuntamenti di ludodidattica e non solo:

  • sabato 24.10. 2020 ore 9.30 AUTUNNO E’ TRA DI NOI: OSSERVIAMO LA NATURA IN AUTUNNO, RACCOGLIAMO LE CASTAGNE nei boschi vicino a Sarnano (MC)
  • sabato 31.10.2020 ore 17.00 – HALLOWEEN nel parco di villa Lauri a Macerata
  • 7-10.11.2020 LABORATORIO on-line (sincrono/asincrono) su come fare una LANTERNA DI S. MARTINO a casa
  • mercoledì 11.11. 2020 ore 18.00 LANTERNATA  DI SAN MARTINO in abbadia di Fiastra (MC)
  • lunedì 30.11.2020 ore 16.30 – iniziamo l’ Avvento  con il  l LABORATORIO on-line (sincrono/asincrono) LE IDEE PER FARE IL CALENDARIO D’AVVENTO
  • 1 – 5.12.2020 MERCATINO NATALIZIO RACCOLTA FONDI VIA TELEGRAM
  • venerdì 04.12.2020 ore 16.30 –il  l LABORATORIO on-line (sincrono/asincrono) LA LETTERA NATALIZIA PER IL  BABBO NATALE 
  • lunedì 7.12.2020, ore 16.30  – S. Nicola. Una breve PASSEGGIATA PER IL CENTRO STORICO ADDOBBATO PER SPEDIRE LA LETTERA A BABBO NATALE dall’ufficio postale  di Macerata centro (Ci si incontra dallo gnomo natalizio svedese Nisse).
  • Lunedì 28.12.2020, ore 16.30 – passeggiata urbana ALLA SCOPERTA DEI PRESEPI DI MACERATA. L’appuntamento è alle ore 16.30 davanti alla chiesa dell’Immacolata in Corso Cavour a Macerata dove ogni anno si espone il nostro presepe di materiali di recupero e riciclo, fatto negli anni dai bambini e le famiglie dell’Associazione e non solo.

Si ricorda che per partecipare agli appuntamenti, per motivi assicurativi, è necessario essere tesserati. E’ aperta la campagna Tesseramento 2021 – https://genitoriefiglipermano.wordpress.com/come-aiutarci/

L’obbligo di prenotazione (max 15 bambini) al n.cell. dell’associazione onlus “GENITORI&FIGLI, per mano” – 3703139727 o via email genitoriefiglipermano@gmail.com.

Per tutti gli aggiornamenti seguiteci sui social dell’Associazione (whatsapp, Facebook, Instagram,Twitter, You Tube).

Qui trovate il modulo di autocertificazione anti-Covid da scaricare, compilare e consegnare quando si partecipa alle attività dell’Associazione.

ASSOCIAZIONE E COVID-19

ASSOCIAZIONE E COVID-19

In questi tempi difficili da COVID-19 siamo con voi attraverso i nostri social e la newsletter whatsapp, la consulenza a distanza, progetto di video – pills di lettura in inglese per i bambini e i genitori e la solidarietà  e le preghiere di tutti i nostri volontari.

Ecco i nostri primi video:

video – pillola “No, David!”

video- pillola “Easter Surprise”

video – pillola “Head, Shoulders, Knees and Toes”

video – pillola “Little Bee”